lunedì 19 dicembre 2011

Ma voi credete a tutto quello che scrivono sull' Olanda?


Da quando vivo in Olanda ci sono abituata che il fiore del giornalismo italiano quando è a corto di notizie ne prende una qualsiasi purchè abbia un vago riferimento con l' Olanda, terra di gente, si crede, tollerante, spiriti liberi, grazie anche ai cannoni che ci passa la mutua e che ci fumiamo dalla mattina alla sera, le riporta a casaccio con le conclusioni sbagliate e poi vai con il flame.

Siccome nell'ultimo paio di mesi ne sono girate due che so impensieeriscono i benpensanti e i turisti, vorrei rassicurarvi in breve:

1) Ma è vero che in Olanda ti fanno l' eutanasia a comando, anche solo se sei un pochino tristonzolo e sfiduciato?

No, se la chiedi a causa di una malattia terminale tramite un protocollo tutt' altro che semplice, dopo che un collegio etico e due medici hanno vagliato la situazione, cercano di fartici ripensare e allora, solo allora, se non sei schiattato di tuo nel frattempo, forse, hai visto mai, ti tocca la morte dolce. In Belgio sono più civili, come dicevo qui

2) Ma è vero che chiudono tutti i coffeshop?

Si e no. Il sindaco di Amsterdam già ha detto che la vede difficile. Perché è vero che a Maastricht lo faranno tra breve, ma già in tutte le zone di confine è già successo, perché tutti i francesi e tedeschi che arrivano, si strafanno di canne e se ne vanno non è che siano una cosa molto piacevole da avere sottocasa, e quindi via il problema.
Perché è vero che gli olandesi sono grandi coltivatori e nel tempo la qualità prodotta qui ha delle dosi stratosferiche di principio attivo, ma anche che è difficile fare delle analisi attendibili.
Perché è vero che se in virtù di trattati internazionali firmati anche dall' Olanda dovrebbero evitare di vendere a stranieri, ma è vero anche che se come è possibile, con il tesserino da residente o la ricetta medica la puoi comprare vedi come si forma un mercato parallelo e clandestino che creerebbe problemi ancora peggiori di ordine pubblico, che per ora proprio grazie alla tolleranza sono contenuti.

E poi dai, su, seriamente, ma ce le vedi le varie Lonely Planet e Rough Guides a ristampare la parte in cui la gente riferisce di esaltarsi a chiedere da accendere al poliziotto? Suvvia, siamo seri. Con la crisi che c' è, oltretutto, ce la vedi la gente a venire ad Amsterdam per visitare i musei, che la metà sono chiusi da anni per restauri? E allora hai voglia a promuovere il turismo congressuale.

3) Ma è vero che gli olandesi sono tanto tolleranti?
L' attuale coalizione di governo è composta dal primo e dal quarto partito risultanti alle elezioni con una minoranza di destra xenofoba che li ricatta ogni due per tre, comandata da un' icona gay col ciuffo ossigenato male che tutti vedono come il prossimo primo ministro e che spara cazzate a gogò, ma lo amano per questo. Fondamentalmente le migliori azioni di questo governo sono state: alzare il limite di velocità in autostrada e reinserire il permesso di fumare nei piccoli caffè, che non avendo personale da proteggere contro il fumo passivo fanno l' accidente che gli pare. Ragazzi, se non è tolleranza questa non so proprio cosa sia.

Tranquillizzati? Mi fa piacere.

8 commenti:

ilnonluogodiemily ha detto...

barbarella solo un bacio, x dirti che esisto ancora anche se ho latitato dal web.
con oggi ho finito le cose che mi incasinavano la vita, adesso mi aspettano solo tutti i regali di natale, salvare il blog dall'autodistruzione e decidere come e dove passare il natale.
ti mando un abbraccio forte, sei forte!
ps ho letto tutto il tuo blog mi sono aggiornata dell'ultimo mese....azzzzz!!!!

Amedeo ha detto...

M'è piaciuta, già. Ogni tanto sfatare dei miti - falsi - aiuta. Grazie, Ba'!

luby ha detto...

Ogni posto e' paese...

lorenza ha detto...

Come capii parlando di politica con un polacco, un austriaco e un belga... Tutti quanti abbiamo i nostri problemini, in questo momento

merendasinoira ha detto...

noi siamo riusciti a fare turismo senza fumare^^ (e abbiamo visto pure dei musei... soprattutto a den haag, però..). In cambio sulla scalinata del Lucent dove passavamo parecchio tempo ad aspettare la pupa abbiamo rischiato più volte e che gli spacciatori ce ne offrissero, o che ci trattassero alquanto male perché era evidente che non eravamo lì per quello, e che (un paio di volte) la polizia perquisisse pure noi^^
sull'eutanasia avevo già sentito qualcosa... argomento complesso... :-/

Anonimo ha detto...

Sfatato un mito... ora mi servirebbe leggere un post riguardo alla Danimarca, altro mio mito nordico...
Lorma

Mammamsterdam ha detto...

Lorma, secondo me basta leggersi Il senso di Smilla per la Neve e I quasi adatti dello stesso autore per sfatarne veramente assai di cose sulla Danimarca.

Silvia gc ha detto...

Serena non me li scrive mai 'sti post sulla Svezia, che lei secondo me ci gode a pavoneggiarsi del mito.